Islanda fai da te, alcuni suggerimenti

Islanda - Grundarfjordur

Islanda – Grundarfjordur

Islanda fai da te, impossibile? No di certo, anche se organizzare un road trip nella terra dei ghiacci e del fuoco è senza dubbio impegnativo per la scarsità di strutture ricettive, i costi esorbitanti delle stesse e del noleggio auto ecc…ma andiamo con calma. Di seguito trovi un paio di suggerimenti che spero ti siano utili qualora avessi in mente di visitare l’Islanda.

Islanda: quando andarci e per quanto tempo?

Se vuoi ammirare il sole di mezzanotte, spettacolo a dir poco estraniante, e godere appieno dei mesi più ricchi di festival ed attività culturali, l’estate (tra giugno e metà agosto) è la stagione che fa per te. Attenzione, però, perchè è anche il periodo di maggiore affluenza turistica: prenota, quindi, per tempo, le sistemazioni per la notte.

Se, invece, vuoi ammirare le aurore boreali, sappi che il periodo più giusto va da settembre a metà aprile, anche se l’unico motivo per cui d’estate non sono visibili è perchè il cielo in Islanda è sempre chiaro.

L’Islanda, poi,  ha una sola strada principale, la Route 1, percorribile in 7-10 giorni, sulla quale (o in stretta vicinanza della quale) si trovano tutte le principali attrazioni turistiche. Molte aree del paese sono tuttavia fuori dalla Route 1 o Ring Road, come i meravigliosi  fiordi occidentali (Westfjords) e la penisola di Snæfellsnes. Se vuoi farti un’idea dell’Islanda più selvaggia e più autentica, programma un itinerario di 14 giorni. Continua a leggere

Share Button

Salento, gli imperdibili della costa adriatica e di quella ionica

Salento adriatico: la Baia di Enea

Salento adriatico: la Baia di Enea

Il Salento è una zona incantevole, ricca di storia e tradizioni millenarie, meta ideale per una vacanza all’insegna della cultura, del sole e del mare: c’è infatti solo l’imbarazzo della scelta tra numerose cittadine turistiche e spiagge bianchissime e dalle acque cristalline, che si affacciano sia sulla costa adriatica sia su quella ionica. Punto di partenza ideale per l’esplorazione del Salento può essere l’accogliente Hotel Sanlu a Serrano, a pochi km da alcune delle principali attrattive turistiche locali come Otranto, Torre dell’Orso, Alimini, Porto Badisco e Castro.

Il Salento Adriatico: storia e natura

Luogo ideale per una rilassante giornata al mare, da concludersi magari con una serata di pizzica nell’area mercatale di Torre dell’Orso, è senza dubbio Santa Maria di Leuca: sabbia bianchissima in netto contrasto con il verde cupo dei pini marittini e del mare, dal quale svettano due faraglioni, le cosidette“due sorelle”, un tempo donne, secondo le leggende locali, pietrificate per via della bellezza del mare. Continua a leggere

Share Button

Wimbledon, istruzioni per l’uso

L1170126

Wimbledon, Central Court

Wimbledon, il torneo di tennis per eccellenza, anche quest’anno sta per terminare. Grazie ad un proverbiale colpo di fortuna di Cristian, che, deciso a vedere giocare ancora una volta il suo amato Federer, a dicembre si è armato di santa pazienza e ha partecipato alla lotteria che mette in palio ogni anni 10.000 biglietti per l’intera durata dell’evento, al primo giorno di gioco c’ero anch’io (nientepopodimeno che sul campo centrale!) ad ammirare l’erba rigorosamente tagliata a 8 mm., i giocatori vestiti in bianco, usanza che va avanti dagli anni ’60 e che negli ultimi anni è cambiata da “predominately in white” a “almost entirely in white“, a mangiare le famose fragole con la panna, insomma, a godere di quel  mondo di tradizioni e valori che si rinnova da ormai 140 anni.

Presenziare a Wimbledon è anche, forse soprattutto, un evento mondano.  Per soli 15 giorni all’anno, a partire secondo la tradizione (che qui, credetemi, è una cosa piuttosto seria), da sei settimane prima del primo lunedì di agosto, l’All England Club, l’esclusivo club in Church Street che organizza la manifestazione, apre le porte al pubblico mentre normalmente conta quattro selezionatissime categorie per un numero altrettanto ristretto di soci:  i Full, i Life, gli Honorary e i Temporary. Le prime due categorie contano in tutto 375 persone; negli Honorary rientrano di diritto i  campioni del torneo; solo l’accesso alla categoria Temporary è rinnovata annualmente ma la lista di attesa infinita e per diventare membri serve l’appoggio di quattro full member che devono scrivere una lettera a sostegno dell’ingresso del candidato. Continua a leggere

Share Button

Sardegna indimenticabile, un soggiorno in Gallura

Sardegna - La Cinta

Sardegna – La Cinta

Un viaggio in Sardegna è un’esperienza indimenticabile. C’è chi sceglie la Sardegna per le spiagge, chi per le escursioni nell’entroterra, chi per la ricca tradizione enogastronomica. Per chi ancora fosse alla ricerca di una motivazione per fare un viaggio in Sardegna, ecco alcuni consigli studiati con Obiettivo Vacanza, agenzia che affitta case vacanza a San Teodoro, una delle località più ricche di attrattive in Gallura.

Sardegna indimenticabile: osservare i fenicotteri della laguna di San Teodoro

Sardegna - I fenicotteri della laguna di San Teodoro

Sardegna – I fenicotteri della laguna di San Teodoro

San Teodoro, piccolo comune in provincia di Sassari, vanta una laguna in cui è possibile osservare nel proprio habitat naturale i fenicotteri rosa, il cui nome in sardo è “genti arrubia”, ovvero “gente rossa”. Questo delicato ecosistema è caratterizzato dal verde della macchia mediterranea e dalla presenza di specie endemiche di piante e animali, che è possibile ammirare grazie a percorsi delimitati con staccionate in legno. Per visitare da un differente punto di vista questo delicato ecosistema prenota un tour in battello. Continua a leggere

Share Button