Wimbledon, istruzioni per l’uso

L1170126

Wimbledon, Central Court

Wimbledon, il torneo di tennis per eccellenza, anche quest’anno sta per terminare. Grazie ad un proverbiale colpo di fortuna di Cristian, che, deciso a vedere giocare ancora una volta il suo amato Federer, a dicembre si è armato di santa pazienza e ha partecipato alla lotteria che mette in palio ogni anni 10.000 biglietti per l’intera durata dell’evento, al primo giorno di gioco c’ero anch’io (nientepopodimeno che sul campo centrale!) ad ammirare l’erba rigorosamente tagliata a 8 mm., i giocatori vestiti in bianco, usanza che va avanti dagli anni ’60 e che negli ultimi anni è cambiata da “predominately in white” a “almost entirely in white“, a mangiare le famose fragole con la panna, insomma, a godere di quel  mondo di tradizioni e valori che si rinnova da ormai 140 anni.

Presenziare a Wimbledon è anche, forse soprattutto, un evento mondano.  Per soli 15 giorni all’anno, a partire secondo la tradizione (che qui, credetemi, è una cosa piuttosto seria), da sei settimane prima del primo lunedì di agosto, l’All England Club, l’esclusivo club in Church Street che organizza la manifestazione, apre le porte al pubblico mentre normalmente conta quattro selezionatissime categorie per un numero altrettanto ristretto di soci:  i Full, i Life, gli Honorary e i Temporary. Le prime due categorie contano in tutto 375 persone; negli Honorary rientrano di diritto i  campioni del torneo; solo l’accesso alla categoria Temporary è rinnovata annualmente ma la lista di attesa infinita e per diventare membri serve l’appoggio di quattro full member che devono scrivere una lettera a sostegno dell’ingresso del candidato. Continua a leggere

Share Button

Sardegna indimenticabile, un soggiorno in Gallura

Sardegna - La Cinta

Sardegna – La Cinta

Un viaggio in Sardegna è un’esperienza indimenticabile. C’è chi sceglie la Sardegna per le spiagge, chi per le escursioni nell’entroterra, chi per la ricca tradizione enogastronomica. Per chi ancora fosse alla ricerca di una motivazione per fare un viaggio in Sardegna, ecco alcuni consigli studiati con Obiettivo Vacanza, agenzia che affitta case vacanza a San Teodoro, una delle località più ricche di attrattive in Gallura.

Sardegna indimenticabile: osservare i fenicotteri della laguna di San Teodoro

Sardegna - I fenicotteri della laguna di San Teodoro

Sardegna – I fenicotteri della laguna di San Teodoro

San Teodoro, piccolo comune in provincia di Sassari, vanta una laguna in cui è possibile osservare nel proprio habitat naturale i fenicotteri rosa, il cui nome in sardo è “genti arrubia”, ovvero “gente rossa”. Questo delicato ecosistema è caratterizzato dal verde della macchia mediterranea e dalla presenza di specie endemiche di piante e animali, che è possibile ammirare grazie a percorsi delimitati con staccionate in legno. Per visitare da un differente punto di vista questo delicato ecosistema prenota un tour in battello. Continua a leggere

Share Button

Mosca top five

Mosca top five - Tomba al milite ignoto, Cremlino

Mosca top five: tomba al milite ignoto, Cremlino

È possibile farsi un’idea di Mosca in un week-end? Secondo me si, fatto salvo che tu abbia voglia di girare come una trottola per due giorni: immensa e caotica é in ogni caso ben organizzata, facile da girare e pulitissima. Quali i siti imperdibili, visto il poco tempo a disposizione? Ecco la mia Mosca top five:

Mosca top five: Le stazioni della metropolitana

Mosca top five: la lunga scala mobile della stazione della metro Park Pobedy

Mosca top five: la lunga scala mobile della stazione della metro Park Pobedy

La metropolitana di Mosca è dopo quella di Tokyo il secondo sistema di trasporto più frequentato al mondo per numero medio di passeggeri al giorno (oltre 8 milioni, ovvero quelli di New York e Londra insieme) ed è famosa per la bellezza architettonica di molte delle sue stazioni, ricche di esempi dell’arte del realismo socialista. Prendi la linea 5, ovvero la Kolzevaya (anello), che interseca con un percorso circolare lungo circa 20 km tutte le altre linee, per scoprire alcune delle stazioni più belle al mondo. Continua a leggere

Share Button

#ildonace, quando l’amore è più forte di tutto

#ildonace ai magazzini GUM di Mosca

#ildonace ai magazzini GUM di Mosca

Questo non è un post SEO friendly, nè fatto per accaparrarsi nuovi like.

E’ un post che parla d’amore, di quanto l’amore possa essere più forte di tutto, anche della morte. Questa è la storia di #ildonace, la storia di una mamma, Lorella, e di un papà, Graziano, straziati dall’atroce perdita del figlio, Lorenzo, il Dona per tutti, uno di quei ragazzi che portava il sole ovunque andasse, con una capacità innata di portare buonumore e sorrisi e tenere unite le persone.

Il suo gruppo di amici “intimi” tutti molto diversi da lui, è composto, mi racconta Lorella, da varie tipologie di ragazzi: quelli  che sono nati con lui qui nel vicinato, con le cui famiglie eravamo amici io e Graziano, e magari già anche Giada, la sorella del Dona, con i fratelli/sorelle maggiori. Quelli che sono andati all’asilo con lui (e poi alle elementari, alle medie ed alle superiori). Quelli del calcio delle varie squadre dove ha giocato, quelli del lavoro. Tutti questi ragazzi, che hanno seguito percorsi di vita diversi (c’è chi è plurilaureato, chi,  invece, fa il cuoco o il macellaio o l’operaio o il paninaro o la commessa) vedevano in Lorenzo un leader, il perfetto collante di una molteplicità d’interessi ed intenti. Continua a leggere

Share Button