Rotterdam, che cosa vedere in un giorno

Rotterdam, Stazione Centrale

Rotterdam, Stazione Centrale

Rotterdam, comodamente raggiungibile da Amsterdam in circa 40 minuti di treno, è una città sorprendente: multietnica (ci convivono ben 176 nazionalità diverse, fatto che di per sé ne spiega l’atmosfera aperta e cosmopolita) ed innovativa, vanta il più grande e importante porto d’Europa e uno skyline mozzafiato, che le è valso meritatamente il titolo di New York europea.

L’itinerario di circa 10 km (percorribili a piedi o in bicicletta) promosso dall’Ente del Turismo permette di scoprirne in giornata i principali punti di interesse. Eccone alcuni:

Rotterdam: Stazione Centrale, Deltse Poort e Groot Handelsgebouw

Punto di partenza ideale dell’itinerario turistico è la nuova stazione centrale di Rotterdam (aperta al pubblico nella primavera del 2014) che presenta due ingressi contrapposti: verso sud, in direzione del centro della città, l’ingresso, su cui sono stati posizionati l’ orologio e la scritta originale della vecchia stazione, è “incorniciato” da una struttura in legno e acciaio slanciata e asimmetrica che allude all’idea del viaggio; verso nord la facciata, completamente a vetri, richiama l’architettura del Novecento che caratterizza l’antistante quartiere Provenierswiijk. In asse fra loro, i due ingressi costituiscono gli estremi del percorso lineare della hall, che rievoca ancora il concetto viaggio: dalla città del Novecento a quella del XXI secolo.

Uscendo dall’ingresso sud della stazione, fermati ad ammirare a sinistra uno dei simboli di Rotterdam: il Deltse Poort, uno dei complessi più alti dei Paesi Bassi, che presenta due avveniristiche torri con facciate a specchio, alte 93 e 151 metri. A destra troverai invece il Groot Handelsgebouw, tipico esempio della ricostruzione pressoché totale che contribuì poco dopo la fine della Seconda Guerra a cambiare radicalmente l’immagine di Rotterdam. Realizzato nel 1953 per ospitare gli imprenditori che avevano perso i propri uffici sotto le bombe, è ancora oggi il più grande edificio commerciale dei Paesi Bassi. Sali sul tetto dell’edificio e goditi una magnifica vista sulla città dal terrazzo del Grand Cafè Engels.

Rotterdam, Schouwburgplein

Rotterdam, Schouwburgplein

Rotterdam: Calypso e Schouwburgplein

Dirigendoti verso il cuore del nuovo quartiere commerciale, lasciati incantare dalla curiosa facciata di Calypso, il cui design dà l’impressione che la costruzione (che ospita appartamenti di lusso, uffici, negozi, bar e ristoranti alla moda) sia in movimento, e dalle imponenti dimensioni (12.000 mq) di Schouwburgplein, una piazza concepita come un immenso palco in doghe di legno, illuminato da sinuosi pali rossi che richiamano la forma delle gru portuali, per la De Doelen, tempio della musica di Rotterdam, e lo Schouwburg, struttura polifunzionale che vanta oltre 500 spettacoli all’anno.

Rotterdam: Markthal e Blaakse Bos (Case cubiche)

Rotterdam, Markthal

Rotterdam, Markthal

Percorri quindi Lijnbaan, una delle prime vie commerciali pedonali al mondo, visita la basilica tardogotica di San Lorenzo, unica traccia rimasta dell’antico centro medioevale, attraversa Piazza Binnerotte, nucleo originario di Rotterdam, e dirigiti verso il Markthal, l’imponente struttura dalle linee moderne ed essenziali che ospita sotto il suo arco di 40 metri il più grande mercato coperto dei Paesi Bassi (avrai l’imbarazzo della scelta tra 100 stand alimentari), ristoranti etnici e gourmet, oltre 200 appartamenti di lusso e un supermercato sotterraneo. Passeggiando tra le bancarelle, volgi lo sguardo verso l’alto e ammira il grande murale, opera degli artisti Arno Coenen e Iris Roskam, che decora gli 11.000 mq dell’interno a volta della struttura: una rappresentazione dei prodotti che possono essere acquistati al mercato e un omaggio al lavoro dei maestri olandesi della natura morta del XVII secolo.

Rotterdam, Blaakse Bos (Case cubiche)

Rotterdam, Blaakse Bos (Case cubiche)

Per godere di una magnifica vista d’insieme di un altro simbolo di Rotterdam, le famose case cubiche dell’architetto Piet Blom, supera la stazione di Blaak e sali le scale che si trovano sulla sinistra nei pressi della prima abitazione. Fermati a visitare al numero 70 del complesso il museo Kijk-Kubus, che consente di farsi un’idea di come siano distribuiti gli spazi all’interno di una delle case, supera il resto delle abitazioni e scendi a sinistra verso il Porto Vecchio (Oude Haven). Da questa prospettiva ti sarà più facile intuire l’intento dell’eccentrico architetto che volle creare una sorta di villaggio in cui gli spazi adibiti ad area commerciale e di servizi (dislocati all’interno di pilastri a base esagonale) si fondono con le abitazioni vere e proprie (i cubi).

Rotterdam: Ponte Erasmusburg e Kop van Zuid

Rotterdam, Ponte Erasmusburg

Rotterdam, Ponte Erasmusburg

Se hai ancora qualche dubbio sul perché a Rotterdam sia stato assegnato il titolo di Città dell’Architettura, dirigiti verso il Ponte Erasmusburg, particolarmente suggestivo di sera quando è illuminato da luci bianche che esaltano l’eleganza della struttura, soprannominata “il Cigno”, e ammira lo skyline del quartiere Kop van Zuid, vecchia zona portuale un tempo sede dei magazzini che contenevano le merci provenienti dalle colonie olandesi, totalmente rivoluzionata dall’intervento di numerosi architetti di fama internazionale (tra cui anche il “nostro” Renzo Piano, autore del Toren Op Zuild, la cui facciata inclinata illuminandosi dà forma ad immagini e messaggi), che qui hanno trovato il loro laboratorio ideale.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *