Sardegna: una isola di vacanza per tutto l’anno

Sardegna, Ogliastra – foto di Nuovo Consorzio Marittimo Ogliastra

Un viaggio in Sardegna si può organizzare tutto l’anno: l’isola ha infatti un clima mediterraneo, con inverni miti ed estati calde e soleggiate, temperate dalle brezze del mare. Non a caso sono moltissimi i last minute Sardegna che offrono soluzioni ideali per una vacanza 365 giorni l’anno, non solo all’insegna del mare, ma anche della cultura e delle tradizioni locali.

Sardegna: Le cale e il mare di Ogliastra

La costa orientale di Sardegna è certamente la più famosa perché qui si trova la Costa Smeralda, ma merita senza dubbio una visita anche la parte più a sud, in direzione Cagliari, che offre ottimi spunti agli amanti della natura e del turismo lento.

Ogliastra, in particolare, è davvero un angolo di paradiso dove è possibile ammirare il Tirreno diventare blu profondo e le falesie sovrastare il mare. Qui si trovano alcune delle cale più belle del Mediterraneo tra cui Cala Luna, Cala Sisine, Cala Goloritze, la Spiaggia dei Gabbiani e Cala Mariolu, accessibili con molti percorsi di trekking alla portata di tutti. E conclusa una giornata all’aria aperta, che cosa c’è di più piacevole che gustare un piatto dell’antica tradizione locale, come il maialetto arrosto o i culurgiones di Ogliastra (ravioli ripieni a base di patate, pecorino, cipolle e menta) cucinati alla maniera dei pastori? Continua a leggere

McCarthy e Kennicott, la last frontier dell’Alaska

Verso McCarthy e Kennicott con gli amici di Wrangell Mountain Air

McCarthy e Kennicott: polvere sottile che ti si annida ovunque, spazi così infiniti e desolati da farti girare la testa e un silenzio assordante, ovvero tutto quanto mi aspettavo di trovare durante il mio avventuroso roadtrip in Alaska di quest’estate.

McCarthy e Kennicott si trovano nel cuore del Wrangell St-Elias National Park and National Preserve, il più grande parco naturale degli Stati Uniti, con un’estensione di circa 53.000 chilometri quadrati composti di aspre montagne (al suo interno si trova la seconda cima più alta della nazione, il Monte Saint Elias, alto 5.489 metri), ampie distese di ghiaccio, laghi e foreste.

Entrambe sono raggiungibili in solo due modi: partendo da Chitina in macchina/moto/bicicletta (per chi mai ne avesse il coraggio) e percorrendo una strada sterrata di circa 150 km che si conclude sul ponte del fiume McCarthy, impedendo l’accesso dei veicoli alle due cittadine, raggiungibili quindi solo con un servizio di navetta a pagamento, oppure con piccoli Cessna, sorvolando in meno di 40 minuti di volo le infinite distese del Wrangell St-Elias NP. Solo un paio di compagnie aeree offrono il brivido di questo viaggio e io non ho avuto dubbi (anche se un po’ di sana paura prima del mio primo volo su un monoelica a 6 posti l’ho avuta, sia chiaro) affidandomi agli amici di Wrangell Mountain Air, specialisti del Wrangell-St. Elias National Park (ai voli associano tour guidati a Kennicott e sul vicino Root Glacier) da oltre 25 anni. Continua a leggere

Viaggiare con tour operator

Viaggiare con tour operator: mare, montagna o lago?

Viaggiare con tour operator: mare, montagna o lago?

In Italia è tornata la passione per il viaggio: una recente indagine condotta da Federalberghi dimostra infatti come sia cresciuta la richiesta di passare dei giorni fuori casa. Ma come viaggiano gli italiani? C’è chi lo fa in modo autonomo e chi invece ama viaggiare con tour operator in grado di studiare le migliori offerte per i propri clienti.

Per coloro che intendono viaggiare con tour operator la vacanza media dura 10 notti, tendenzialmente al mare con oltre il 68 % delle prenotazioni mentre il dato per la montagna è di circa il 10%, per le le località d’arte 5,8%, i laghi 3,2%, le località termali e del benessere  2,1%. Continua a leggere

La penisola sorrentina: Vico Equense e il Monte Faito

La penisola sorrentina – panorama

La penisola sorrentina, una lingua di terra, tanto breve quanto rigogliosa, che affiora dal Mediterraneo come un piccolo angolo di paradiso, divide il Golfo di Napoli da quello di Salerno. E’ un luogo magico che, nonostante tutto, vede ancora intatta la sua essenza e il suo paesaggio.

Sorrento è indubbiamente la regina della penisola sorrentina, ma partendo da Castellamare di Stabbia, fino ad arrivare alla stessa Amalfi, le località da scoprire sono innumerevoli. Nel primo tratto della costiera sorrentina si trova, ad esempio, Vico Equense, un piccolo comune in provincia di Napoli che dista da Sorrento solamente una decina di kilometri. Non è da scartare l’opzione di soggiornare in loco (magari dando un’occhiata alle offerte di Expedia Italia) o semplicemente farci una gita in giornata. Continua a leggere