Seven Sisters: una gita fuori porta da Londra e Brighton

Seven Sisters – il faro di Belle Tout

Le Seven Sisters (Sette Sorelle), meravigliose scogliere bianche sulla costa sud del territorio inglese, a pochi chilometri da Brighton e a circa un’ora e mezza di treno da Londra, devono il loro nome al fatto che hanno un profilo ondulato, che “disegna” 7 colline chiamate (da ovest verso est) Haven Brow, Short Brow, Rough Brow, Brass Point, Flat Hill, Baily’s Hill e Went Hill Brow (in realtà ci sarebbe anche un’ottava “sorella”, l’ultima collina a est, dove sorge il faro di Belle Tout).

Seven Sisters: come raggiungerle da Brighton e da Londra

In auto: segui la strada in uscita da Brighton verso est e percorri la strada costiera fino a Seaford, dove troverai le indicazioni per il parcheggio a pagamento del Seven Sisters Country Park.

Se invece ti muovi con i mezzi pubblici, prendi l’autobus doppio o Coaster Bus da Brighton o da Eastbourne (linee  12 – 12A – 12X – 13X). Continua a leggere

Riccione insolita: il castello di Albereto

Castello di Albereto, ingresso (foto Archivio Fotografico Provincia di Rimini)

Riccione è inevitabilmente legata all’idea di una vacanza all’insegna del divertimento; del resto, come potrebbe essere diversamente considerate le sue spiagge, le discoteche e i parchi di divertimento?

Questo però non implica che Riccione e i suoi dintorni manchino di angoli insoliti in grado di regalare ai vacanzieri più curiosi interessanti spunti culturali.

Del resto la Romagna è un territorio che deve parte del suo splendore anche alla storica Signoria dei Malatesta costituita da uomini e condottieri ambiziosi, la cui espressione di potere è tuttora visibile nelle rocche e nelle fortificazioni che si sono conservate sino ai giorni nostri.

A meno di mezz’ora di macchina da Riccione (e dal Cocoricò) nel territorio comunale di Montescudo è possibile visitare una splendida struttura fortificata inserita a pieno titolo all’interno del circuito turistico-culturale degli insediamenti Malatestiani della Provincia di Rimini: il castello di Albereto, posto a difesa del borgo omonimo. Continua a leggere

ViadellaFucina16: il condominio-museo nel cuore di Torino

ViadellaFucina16, l’androne del condominio-museo – Foto di Kaninchen-Haus

Al comune passante sembrerà solo un condominio di fine Ottocento, un posto come tanti altri in città che ospitano persone di nazionalità, storie e provenienze diverse. Eppure ViadellaFucina16, nel quartiere di Porta Palazzo a Torino, è un posto come nessun altro.

Un condominio, certo, ma anche un museo. Poi cos’altro?

Visto da fuori è un palazzo storico della zona che ospita circa duecento persone. Lunghi ballatoi e uno scalone centrale in cui si propaga l’odore del cibo appena cotto, praticamente di ogni etnia, praticamente a ogni ora. Giorno e notte risuonano le voci dei bambini che giocano o strillano in tutto il palazzo. Appena varcata la soglia, si comincia a realizzare davvero che in ViadellaFucina16 si sta sperimentando qualcosa di nuovo ed unico.

Qualcosa che viene percepito anche dai condomini di ViadellaFucina16, coinvolti attivamente sin dalle fasi embrionali del progetto, dalla pulizia degli spazi comuni alle elezioni artistiche “condo-museali”. Queste hanno portato a individuare circa venti  artisti dei 400 candidati iniziali, che saranno accolti a fare parte integrante della comunità del palazzo.

Nato da un’idea dell’artista Brice Coniglio e curato dall’associazione culturale Kaninchen-Haus, ViadellaFucina16 porterà alla realizzazione di una serie di residenze artistiche all’interno dello stabile situato nella via da cui prende il nome, aprendo di fatto lo stabile all’intera città come condominio-museo visitabile.

Un semplice condominio, quindi, diventa ora un luogo di interesse collettivo rimettendo in discussione il confronto tra pubblico e privato, aprendosi all’arte e ai suoi spettatori per promuovere un nuovo modello di condivisione, di scambio e di apertura alla differenza. Continua a leggere

Sardegna: una isola di vacanza per tutto l’anno

Sardegna, Ogliastra – foto di Nuovo Consorzio Marittimo Ogliastra

Un viaggio in Sardegna si può organizzare tutto l’anno: l’isola ha infatti un clima mediterraneo, con inverni miti ed estati calde e soleggiate, temperate dalle brezze del mare. Non a caso sono moltissimi i last minute Sardegna che offrono soluzioni ideali per una vacanza 365 giorni l’anno, non solo all’insegna del mare, ma anche della cultura e delle tradizioni locali.

Sardegna: Le cale e il mare di Ogliastra

La costa orientale di Sardegna è certamente la più famosa perché qui si trova la Costa Smeralda, ma merita senza dubbio una visita anche la parte più a sud, in direzione Cagliari, che offre ottimi spunti agli amanti della natura e del turismo lento.

Ogliastra, in particolare, è davvero un angolo di paradiso dove è possibile ammirare il Tirreno diventare blu profondo e le falesie sovrastare il mare. Qui si trovano alcune delle cale più belle del Mediterraneo tra cui Cala Luna, Cala Sisine, Cala Goloritze, la Spiaggia dei Gabbiani e Cala Mariolu, accessibili con molti percorsi di trekking alla portata di tutti. E conclusa una giornata all’aria aperta, che cosa c’è di più piacevole che gustare un piatto dell’antica tradizione locale, come il maialetto arrosto o i culurgiones di Ogliastra (ravioli ripieni a base di patate, pecorino, cipolle e menta) cucinati alla maniera dei pastori? Continua a leggere