Scopri la tua destinazione ideale

Ti sei mai chiesto quale destinazione si addice maggiormente al tuo modo di viaggiare?

Capirlo potrebbe aiutarti nella scelta della destinazione del tuo prossimo viaggio. Proviamoci insieme con questo veloce test! 

  • Stai facendo una passeggiata e ti trovi davanti ad un bivio dal quale partono tre sentieri. Quale scegli?

a) Quello segnalato dai cartelli come il più lungo, tu adori stare all’aria aperta!

b) Quello segnalato dai cartelli come il più veloce e facile

c) Quello segnalato dai cartelli come il più difficile ma che promette panorami mozzafiato.

  • Quale di queste professioni ti affascina di più?

a) Archeologo

b) Architetto

c) Storico dell’arte

  • Molte guide di viaggio suggeriscono di visitare i mercati locali. Che cosa ne pensi?

a) I mercati sono luoghi troppo caotici e pieni di odori sgradevoli. Non ho alcun interesse a visitarli.

b) Se passo nelle vicinanze, gli do un’occhiata ma non li cerco di proposito.

c) Adoro visitare i mercati: trovo sia un ottimo mezzo per comprendere la cultura locale.

  • In base a quale fattore di quelli elencati scegli la destinazione della tua vacanza ?

a) Attività all’aria aperta

b) Eventi culturali e mostre

c) Storia e tradizioni locali

  • Dove vorresti vivere?

a) Isolato, a stretto contatto con la natura

b) In una metropoli, ricca di stimoli, eventi culturali e feste

c) In una comunità dalle antiche tradizioni.

  • Qual è la tua sistemazione ideale in viaggio?

a) Campeggio

b) Albergo

c) Couchsourfing/ostello Continua a leggere

Tel Aviv, la città bianca

DSCF4513

Tel Aviv, vista della città dal porto di Jaffa

Tel Aviv è spesso definita la città bianca per la presenza di oltre 4.000 edifici costruiti negli anni trenta da architetti tedeschi ebrei immigrati nel Territorio britannico di Palestina a seguito della salita al potere del Nazionalsocialismo nello stile Bauhaus, che si prefiggeva l’obiettivo di creare un nuovo linguaggio architettonico basato sulla chiarezza e l’essenzialità delle forme . Continua a leggere

Palestina, il meglio in un giorno

La Palestina è stata la seconda tappa del mio viaggio in Israele. Seguendo il consiglio della omnipresente Lonely Planet, ho prenotato un tour di un giorno con l’agenzia di viaggi interna all’Abraham Hostel di Gerusalemme, sistemazione che consiglio a tutti i viaggiatori backpapers per l’ottima posizione e gli eccellenti servizi.

Il tour denominato Best of West Bank, dal nome con cui gli inglesi definiscono il territorio sulla riva occidentale del fiume Giordano che fa parte, assieme alla Striscia di Gaza, dei “Territori palestinesi” e/o della regione storico-geografica della Palestina, prevede un’intensa giornata alla scoperta di Ramallah, Jericho, la fonte battesimale di Qasr el-Yahud e Betlemme.

Palestina – Ramallah

DSCF4372

Palestina – Ramallah, il mausoleo di Arafat

Fino agli ’70, ovvero sino all’inizio della prima Intifada, Ramallah era considerata ambita meta di villeggiatura. Tutt’oggi è ricca di ristoranti, caffè e negozi ed è anche tendenzialmente una città aperta a culture differenti da quella islamica, grazie anche alla significativa presenza di arabi cristiani. Sede del parlamento palestinese e di vari ministeri, ospita anche il mausoleo che conserva la salma dell’ex leader palestinese Yāsser ʿArafāt.

Palestina – Jericho

DSCF4388

Palestina – Jericho, la salita al Monte delle tentazioni

Jericho è la città più antica al mondo (ricerche dimostrano insediamenti che risalgono persino al 10.000 A.C). e anche quella più bassa, trovandosi a -240 m s.l.m. in una fertile depressione del Mar Morto.

Merita senza dubbio una visita il Monte delle tentazioni e l’annesso monastero di Qurantul, il luogo dove si dice che Gesù abbia resistito alle tentazioni del demonio, che gli chiese di trasformare le pietre in pane per sfamarsi.

Per raggiungere il monastero occorre prendere una funivia e poi risalire una lunga e faticosa scalinata. Ma la vista sulla valle del Giordano e la bellezza del monastero, costruito nel XII secolo, abbarbicato letteralmente su un dirupo, valgono lo sforzo.

Ti consiglio di visitare il sito di mattina presto, il momento ideale per scattare foto e per godersi un minimo di frescura. Continua a leggere

Gerusalemme in 5 tappe imperdibili

DSCF4285

Gerusalemme – Jaffa Street

Gerusalemme è stata la prima tappa del mio #primoviaggiodel2015 (# inventato con un gruppo di amici blogger per condividere la nostra prima destinazione del 2015, che ti invito ad utilizzare perchè potresti trovarci spunti interessanti – ndr).

Che cosa non perdere assolutamente a Gerusalemme? Ecco la mia personale top five.

DSCF4294

Gerusalemme – Mercato di Mahane Yehuda

Gerusalemme – Mercato di Mahane Yehuda

Considerato uno dei più interessanti di tutto il Medio Oriente, il mercato di Mahane Yehuda è un tripudio per i sensi: permeato dall’odore di spezie, frutta e verdura freschissime, sgargiante nei colori delle bancarelle, rumoroso per le urla dei venditori. Ti consiglio una visita il giovedì o il venerdì: in questi giorni il mercato è particolarmente vivo perchè anche la gente del posto lo frequenta per preparare i pasti dello Shabbat.

In zona merita una visita anche la zona di Mea She’arim, il più antico quartiere di Gerusalemme abitato dagli ebrei haredim, ovvero da coloro che osservano la forma più conservatrice dell’ebraismo ortodosso.

Gerusalemme – Museo U. Nahon di arte ebraica italiana e tempio

Sempre in zona centrale merita senza dubbio una visita il tempio ebraico settecentesco trasferito integralmente a Gerusalemme da Conegliano Veneto (VE) nel 1952, che funge tuttora da centro spirituale per gli ebrei di origine italiana residenti a Gerusalemme. L’annesso museo raccoglie interessanti oggetti della tradizione ebraica portati dall’Italia intorno agli anni ’50.

Io ho avuto la fortuna di visitarlo con una guida d’eccezione, Vito Anav, Presidente della comunità ebraica italiana in Israele e autore di un interessante libro (Cronaca di una guerra di mezza estate) che racconta l’angoscioso e angosciante ultimo conflitto che ha colpito Israele e i territori palestinesi poco più di 6 mesi fa.

DSCF4313

Gerusalemme – Muro occidentale

Gerusalemme – Muro Occidentale

Oltrepassa la porta di Jaffa e immergiti nei profumi e nei colori delle bancarelle di David Street. Se uscirai indenne dagli acquisti e/o se non sarai troppo appensantito dall’ottimo cibo di strada che qui puoi trovare ad ogni angolo, dirigiti verso il Muro Occidentale (denominato impropriamente “Muro del pianto“), il luogo più sacro dell’ebraismo. La sua importanza come meta di pellegrinaggio risale al periodo ottomano, quando gli ebrei iniziarono a raccogliersi davanti a questo muro di contenimento, che sosteneva la parte esterna della spianata su cui sorgeva il tempio, per ricordare, appunto, la distruzione del tempio, avvenuta nel 70 d.c. L’area davanti al muro funge oggi da grande tempio all’aperto ed divisa in una parte riservata agli uomini e una alle donne. Se riesci, recati al muro il lunedì o il giovedì mattina, momento in cui si celebra la cerimonia del bar mitzvah, che segna il passaggio all’età matura per i bambini ebrei (13 anni e un giorno per i maschi, 12 anni e un giorno per le femmine). Continua a leggere