Musica e viaggi: 5 città sulle note di 5 canzoni

La musica di grandi artisti ha spesso tratto ispirazione dalle città in cui sono vissuti e può essere una guida di viaggio perfetta per visitarle. Gioca con me e metti alla prova con questo breve test le tue conoscenze su 5 famose canzoni che descrivono con la loro meravigliosa musica altrettante città. Quali?

Quale città celebra la famosa Penny Lane dei Beatles?

a)     Liverpool

b)    Londra

In Midnight in Chelsea Bon Jovi descrive un celebre quartiere di quale città?

a)     New York

b)    Los Angeles

For Tomorrow dei Blur è dedicata a Primrose Hillad, famosa zona di…:

a)     Glasgow

b)    Londra

Qual è la piccola città raccontata da Francesco Guccini nell’omonima canzone?

a)    Bologna

b)    Modena

Under The Bridge dei Red Hot Chili Peppers è ricca di riferimenti alla città di…

a)     Los Angeles

b)    San Francisco

Per scoprire i risultati del test e per curiosità sulle città descritte in questo racconto musicale clicca qui:

  • /
Update Required
To play the media you will need to either update your browser to a recent version or update your Flash plugin.

 

A winter’s tale, di viaggi e sogni

Questa è una favola invernale, di viaggi e sogni.

C’era una volta una bambina, apparentemente molto felice, ma chiusa in una gabbia dorata.
La bambina, crescendo, capì che la sua gabbia dorata era troppo stretta e così cominciò a viaggiare, dapprima ad occhi chiusi, poi realmente e comprese presto che non sarebbe riuscita a vivere nella sua gabbia dorata a lungo.

Un giorno, dopo tanta faticosa ricerca, trovo il suo principe azzurro. Certo, era totalmente diverso da lei, così sognatrice e visionaria, ma il Principe la amava tanto anche per questo e così la bambina decise di lasciare la sua gabbia dorata e di andare a vivere nel castello con il Principe.

Insieme fecero molti viaggi, sognarono molto, insieme superarono tante difficoltà, forti uno dell’altro.
A volte, però, le cose sembravano non andare bene, perchè la bambina temeva di avere trovato un’altra prigione dorata. Così si fece forza e iniziò a viaggiare anche da sola.
Tornò nei luoghi della sua infanzia, quelli in cui per la prima volta si era sentita davvero libera e lì, da sola, al freddo, capì che non c’era posto in cui volesse stare come il castello che condivideva con il suo principe.
E fu così che (forse) vissero felici e contenti.