L'allestimento del MUSE - foto di Alessandra Pallaveri

L’allestimento del MUSE – foto di Alessandra Pallaveri

Manca meno di una settimana all’inaugurazione del MUSE, il nuovo museo delle scienze di Trento, un luogo di cultura di altissimo livello, innovativo per concezione dei contenuti, modalità di fruizione e linguaggio, e a Trento stanno facendo le cose in grande.

L’inaugurazione prevede infatti un week-end non stop di eventi musicali, culturali e performance artistiche alla scoperta dei 5.000 mq di esposizione del museo, che vanno dall’ambiente del ghiacciaio a quello subtropicale, dalla preistoria al futuro, con un occhio sempre attento alla sostenibilità.

Posizionamento di orso al MUSE  - foto di Claudia Corrent

Posizionamento di orso al MUSE – foto di Claudia Corrent

Sabato 27 luglio alle 18.00, nel parco antistante il museo, dopo le presentazioni ufficiali alla presenza dell’architetto Renzo Piano, autore del progetto architettoinco, l’orchestra Haydn di Trento e Bolzano presenterà un programma inusuale che spazia da J. Brahms a pezzi delle colonne sonore di film dedicati alla natura, alla scienza, allo spazio.

Una performance interattiva con il pubblico presente aprirà quindi le porte del MUSE, mentre all’esterno del museo il programma continuerà fittissimo con due talk show sul tema “Esplorazioni” e “Attrazioni”, che prevedono la partecipazione di nomi noti del mondo della scienza e dello spettacolo e, dalle 22, performance teatrali e video con proiezioni di immagini in 3D, che trasformeranno il MUSE in un racconto pulsante, che cambia forma e colore e si anima in un affascinante gioco di luci.

Per in nottabuli come me, la festa continuerà con un dj set d’eccezione a cura di Frankie HI-NRG, il video live set di VJ Sabota e la proiezione di “Ecoplanet – Un pianeta da salvare”, film d’animazione su tematiche ambientaliste.

Le prime ore di domenica mattina vedranno alternarsi sul palco Niccolò Fabi e Giovanni Lindo Ferretti con “Bella gente d’Appennino”, intenso spettacolo sulla vita di montagna.

Il resto della giornata sarà dedicata alle famiglie con esperimenti e giochi scientifici, brevi e divertenti presentazioni a opera dei ricercatori del museo, pillole di scienza, laboratori creativi e performance artistiche all’interno del museo e si concluderà, dopo due ulteriori momenti  musicali, con una curiosa cena con degustazioni tropicali nella lobby del museo e una speciale visita alla serra tropicale.

La partecipazione a tutti gli eventi è libera e gratuita ad eccezione dello spettacolo di Giovanni Lindo Ferretti (posti limitati su prenotazione, tel. 0461.270311) e della cena tropicale (a pagamento e su prenotazione, tel. 0461.270311).

Io non vedo l’ora di tuffarmi nella cultura e di camminare per le strate di Trento alla scoperta delle installazioni artistiche che interpretano in modo creativo la natura, la tecnologia, la biodiversità, creando un percorso di avvicinamento al Muse che so già essere indimenticabile.