Libri per viaggiare: quali sono i 5 libri di viaggio da leggere assolutamente? Accettando il simpatico invito di Agnieszka, autrice del blog Combinando, ad un viaggio virtuale tra blogger, ho fatto un po’ di ricerche sui gusti della critica, sulla storia della letteratura di genere e sulle statistiche di vendita. Incrociando questi dati con le mie preferenze, ne è uscita una (personalissima) lista dei 5 libri per viaggiare da leggere assolutamente.

Che ne pensi? Lasciami un commento qui sotto, sono curiosa di sapere quali libri fanno parte della tua lista!

Un libro per viaggiare: In Patagonia di Bruce Chatwin

Il libro di culto di Chatwin, il più leggendario fra gli scrittori di viaggio del Novecento. Un diario che si focalizza non tanto sui luoghi quanto sulle persone incontrate e sulla storia dell’esplorazione del Sudamerica estremo, da Buenos Aires alla Terra del Fuoco. E chissà che, leggendolo, non mi venga voglia di visitare l’America latina. Pensare che l’America, ma solo quella del nord, l’ho già vista in lungo in largo ma, chissà perché, la zona meridionale proprio non mi attrae. E se ti stai chiedendo se preferisco la East o la West coast sappi che per me è difficile rispondere “di testa”. Meglio risponderti con il cuore e dirti la West Coast, estremamente selvaggia e variegata.

Un libro per viaggiare: Strade Blu di William Least Heat-Moon

Sulle carte stradali americane le strade principali, battute dalle masse, sono indicate in rosso. Poi ci sono quelle disegnate in blu, le vie secondarie, che passano da località anonime. William Least-Moon ha scelto queste per vagare in libertà fra praterie e villaggi di un’America sconosciuta. Poi, tornato a casa, ha scritto questo capolavoro assoluto della letteratura da viaggio. Insomma, un po’ anche il mio modo di viaggiare, che tende spesso ad abbandonare le zone più turistiche per dedicarmi a zone meno battute e per questo più autentiche ed interessanti, per lo meno ai miei occhi.

Un libro per viaggiare: Nelle Terre Estreme di Jon Krakauer

Un viaggio solitario nella natura selvaggia del Grande Nord ma, allo stesso tempo, un viaggio introspettivo per ritrovare la propria appartenenza al mondo. La storia vera di un viaggiatore realmente esistito, Chris McCandless, ricostruita dapprima in questo bel libro e poi trasformata in film da Sean Penn nell’acclamato Into the Wild. Come non inserire questo testo nei miei libri per viaggiare visto che quest’estate andrò proprio in Alaska, meta conclusiva dell’incredibile viaggio di Chris McCandless? Andremo anche nel Denali National Park, dove Chris visse fino alla sua morte, ma non ci fermeremo lì: ci attendono oltre 5.000 km alla scoperta delle altre meraviglie dell’Alaska, compreso un emozionante volo in Cessna sul parco più esteso e meno battuto dell’America: il Wrangell National Park.

Un libro per viaggiare: Il Giro del Mondo in Ottanta Giorni di Jules Verne

Un libro che, forse, non ha bisogno di presentazioni, il sogno di qualsiasi viaggiatore: un giro del mondo tra Londra, Parigi, Torino, Suez, Bombay, Hong Kong, Yokohama, San Francisco, New York e ancora Londra ispirato dalle azioni di George Francis Train che compì questa incredibile impresa nel 1870.

Il racconto di Verne ha negli anni subito successivi alla pubblicazione ispirato autentiche spedizioni. Tra le tante merita senza dubbio una menzione d’onore la giornalista Nellie Bly che nel 1889 intraprese un viaggio attorno al mondo (da Hoboken a New York) in 80 giorni per il suo giornale, il New York World. Riuscì a completarlo in 72 giorni, gareggiando contro un’altra donna, Elizabeth Bisland e stabilendo un record. Nellie fu la prima donna a viaggiare attorno al mondo senza essere accompagnata da un uomo e divenne un modello per le donne di tutto il mondo.

Un libro per viaggiare: Aria Sottile di Jon Krakauer

Un saggio terribilmente crudo e diretto che racconta di una spedizione sull’Everest, conclusasi tragicamente nel 1996, in quella che è definita la peggiore tragedia mai capitata sul tetto del mondo. Un racconto in prima persona del giornalista ed alpinista provetto Krakauer che si sofferma sulle complesse circostanze e sull’intreccio di decisioni ed errori che condussero un gruppo di scalatori a lottare contro la morte a un’altezza di oltre 8000 metri. Uno spunto di riflessione per chiunque voglia raggiungere la mitica vetta, ormai da tempo assediata da un proliferare di lucrose spedizioni commerciali. A me è bastato arrivare al campo base per capire quanto la natura a simili altitudini possa essere affascinante ma anche spietata.

Curioso di saperne di più sul viaggio virtuale tra blogger?

Ecco gli articoli delle altre “viaggiatrici”:

#1 Consigli su libri da leggere

#2 Un libro da leggere per sognare

#3 Lo Zen e la cerimonia del tè.

#4 Un libro da leggere per capire e conoscere le regole del growth hacker marketing

#5 Un libro da leggere per imparare il potere del sorriso, arma vincente contro i mali.